CIL - Comunicazione inizio lavori

quote-art

“A volte le domande sono complicate e le risposte sono semplici.”

– Dr. Seuss

Che cos'è la C.I.L.?

La C.I.L. Certificazione di Inizio Lavori, è una pratica amministrativa regolamentata nel Testo Unico dell’Edilizia all’art. 6. Non essendo asseverata, può non essere compilata da un tecnico abilitato.

Quali interventi possono essere effettuati con la C.I.L.?

Come indicato dal D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 – Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia gl interventi che possono essere effettuati con la C.I.L. sono:

  • interventi di manutenzione ordinaria di cui all’articolo 3, comma 1, lettera a);
  • interventi di installazione delle pompe di calore aria-aria di potenza termica utile nominale inferiore a 12 Kw;
  • interventi volti all’eliminazione di barriere architettoniche che non comportino la realizzazione di ascensori esterni, ovvero di manufatti che alterino la sagoma dell’edificio;
  • le opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo che abbiano carattere geognostico, ad esclusione di attività di ricerca di idrocarburi, e che siano eseguite in aree esterne al centro edificato;
  • i movimenti di terra strettamente pertinenti all’esercizio dell’attività agricola e le pratiche agro-silvo-pastorali, compresi gli interventi su impianti idraulici agrari;
  • le serre mobili stagionali, sprovviste di strutture in muratura, funzionali allo svolgimento dell’attività agricola;
  • le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee e ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità e, comunque, entro un termine non superiore a novanta giorni, previa comunicazione di avvio lavori all’amministrazione comunale;
  • le opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni, anche per aree di sosta, che siano contenute entro l’indice di permeabilità, ove stabilito dallo strumento urbanistico comunale, ivi compresa la realizzazione di intercapedini interamente interrate e non accessibili, vasche di raccolta delle acque, locali tombati;
  • i pannelli solari, fotovoltaici, a servizio degli edifici, da realizzare al di fuori della zona A) di cui al decreto del Ministro per i lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444;
  • le aree ludiche senza fini di lucro e gli elementi di arredo delle aree pertinenziali degli edifici.

Dove presentare la C.I.L.?

La C.I.L. a Roma va presentata telematicamente, tramite il SUET (Sportello Unico per l’Edilizia Telematico).

Quali documenti devo presentare?

Il privato cittadino può presentare autonomamente la C.I.L., ma può farsi supportare da un tecnico abilitato, dato che è necessario:

  • iscriversi al SUET (Sportello Unico per l’Edilizia Telematica);
  • inserire i dati riguardanti la qualificazione dell’intervento;
  • localizzare l’intervento;
  • specificare la titolarietà dell’intervento;
  • specificare la tipologia di opere da realizzare;
  • inserire eventuali allegati rigurdanti l’impresa esecutrice.

Dopo quanto posso iniziare i lavori di ristrutturazione?

I lavori di ristrutturazione potranno iniziare subito dopo l’invio telematico della C.I.L.

CHIEDI SUBITO UN PREVENTIVO PER LA TUA PRATICA EDILIZIA

  • Compilando questo questionario riceverai un preventivo dettagliato, gratuito e senza impegno per la tua pratica edilizia. Ti preghiamo di compilare con attenzione tutti i campi richiesti.
 

Informazioni tecniche

    Tipologia della pratica

 

SCIA

 

CIL o CILA

  • Devi precedentemente presentare una C.I.L. (Comunicazione Inizio Lavori) o una C.I.L.A (Comunicazione Inizio Lavori Asseverata)
 

CIL o CILA

  • Devi presentare una C.I.L. (Comunicazione Inizio Lavori) o una C.I.L.A (Comunicazione Inizio Lavori Asseverata)
 

Informazioni generali

    Informazioni anagrafiche

 

Invia la richiesta

  • Inviando questo modulo autorizzi il trattamento dei dati personali ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”
 

SPECIALE PRATICHE B&B

La piattaforma PRATICHE SCIA fornisce consulenza tecnica e assistenza per la redazione e l’inoltro delle pratiche edilizie necessarie nei lavori di ristrutturazione, anche al fine di avviare attività ricettive extra-alberghiere.